Forza vecchio cuore biancorosso

Pareggio meritato contro il Riviera di Romagna
9 novembre 2010 / PRIMA SQUADRA
Forza vecchio cuore biancorosso

Quella che si è giocata al Comunale di S.Sisto, seppur solamente alla quinta giornata, poteva essere considerata una sfida promozione. La Grifo Perugia infatti ospitava il Riviera di Romagna, compagine di assoluto valore e una sicura pretendente al salto di categoria. Il risultato finale, un pareggio rocambolesco, ne è la dimostrazione. Si sono viste due squadre dai valori assoluti importanti, organizzate e combattive per tutto l’ arco della contesa. Fischio d’ inizio e le padroni di casa partono forte e cercano di far valere il fattore campo. Il Riviera di Romagna stenta ad entrare in partita e subito dai primi minuti soffre costantemente il duo d’ attacco Principi-Pugnali. Dopo un paio di sgroppate sull’ out destro di Pugnali, seguite da altrettanti cross invitanti non raccolti però da nessuna compagna al centro dell’ area, arriva comunque il vantaggio. E’ il sesto minuto quando Principi cerca di liberarsi in area della diretta avversaria che la contrasta in maniera scomposta, il direttore di gara non ci pensa due volte e assegna il penalty, peraltro, ad onor del vero,  apparso abbastanza generoso. Della battuta si incarica Fiorucci che trasforma. Le biancorosse non mollano la presa e continuano un pressing costante nella zona nevralgica del campo, che comporta un predominio territoriale e fa si che le romagnole sbaglino una marea di passaggi. Il match, seppur combattuto, sembra mettersi sul binario più congeniale alle perugine, quando purtroppo arriva dal nulla l’ infortunio di Monsignori. La numero uno, infatti, valuta in malo modo la traiettoria di un tiro innocuo di Moglie che si infila nell’ angolino basso tra lo scoramento generale. L’ inerzia della partita rimane nella metà campo ospite ma senza troppi sussulti, se si eccettua un’ incursione della solita incontenibile Pugnali smarcata da Pederzoli e un cross velenoso da parte romagnola che finisce sul fondo. si va al riposo in parità. La seconda frazione è sulla stessa falsa riga della prima, squadre che cercano di sopraffarsi e che vogliono trovare la vittoria, cosi facendo però le due compagini si equivalgono annullandosi a vicenda. Poche le sortite in avanti nessuna occasione nitida. La Riviera di Romagna ci prova un paio di volte su calcio piazzato, ma Monsignori si ritrova, e come portiere di sicura affidabilità, risponde da campionessa in entrambe le circostanze su Carrozzi. Per la Grifo un paio di tentativi, prima Pugnali che strozza il piattone, poi Principi che tira debolmente e Bagnari controlla. Siamo alla mezz’ ora ed ecco l’ episodio che potrebbe decidere l’ incontro. Da una palla persa a centrocampo in maniera maldestra da Roversi, le giallo-rosse-blu partono in un contropiede fulmineo che mette Mainardi in condizione di entrare in area di rigore, Parise l’ affronta energicamente e l’ arbitro senza esitazione decreta il secondo rigore di giornata, questa volta a favore delle ospiti. Magnanti non si fa pregare e realizza. La Grifo accusa il colpo, cerca di reagire ma non riesce a trovare nessun varco. Scapicchi tenta l’ ultima carta, dopo Roversi e Costantini per Maddaleni e Pederzoli, sceglie Santacroce come ultimo cambio al posto di Cianci, fuori una difensore dentro una centrocampista quindi, cambio del modulo e assalto finale all’ arma bianca. Dopo diversi tentativi di buttare il pallone in area avversaria, è Principi a liberarsi in maniera pregevole e dopo essersi coordinata lascia partire un destro imprendibile che purtroppo però fa la barba all’ inrocio dei pali. Quando ormai tutte le speranze sembrano ridotte al lumicino è ancora Principi con astuzia a cercare e trovare l’ ultimo calcio d’ angolo della partita. Palla in area, respinta dalla difesa ospite ma sui piedi di Fiorucci, che al limite dell’ area trova la lucidità giusta per servire Pugnali la quale controlla, prende la mira e batte Bagnari con un preciso diagonale. Esplode la gioia, sia in campo che sugli spalti, per un pareggio raggiunto all’ ultimo respiro. Pari e patta. Il risultato è complessivamente giusto per quello che si è visto in campo seppur maturato in maniera emozionante e imprevedibile. Nonostante non ci siano state tantissime occasioni da rete, si è potuto apprezzare un livello altissimo per un campionato di serie A2, complimenti quindi ad entrambe le formazioni che sono e resteranno protagoniste fino al termine della stagione. La Grifo ha dimostrato a tutti e prima di tutto a sè stessa qual’ è la sua forza e la sua determinazione, ingredienti fondamentali per un campionato di vertice.

Grifo Perugia : Monsignori; Parise; Saravalle; Bordellini; Cianci (36 st Santacroce); Fiorucci; Natalizi; Maddaleni( 15 st Roversi); Pederzoli(20st Costantini); Pugnali; Principi. A disp.: Iorio; Bianchi; Marchesi; Spapperi. All.: Scapicchi

Riviera di Romagna : Bagnari; Rana; Piolanti; Ghirardelli; Carrozzi; Mainardi; Petralia(30st Pastore); Moglie; Capalbo(42st Locatelli); Magnanti; Mariani(35st Tucceri). A disp.: Cannata; Cuomo; Marinelli; Breccia. All.: Roveda

Reti: 6′ Fiorucci rig.(G); 14′ Moglie(R); 27’st Magnanti rig.(R); 49’st Pugnali(G).